Benvenuti nel nostro negozio online
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Prevenzione e trattamento del rischio cardiovascolare

10/01/2019


​​​​​​​Prevenzione e trattamento del rischio cardiovascolare

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte in Italia.
Tra i molteplici fattori di rischio troviamo l'ipertensione, l'ipercolesterolemia, l'ipertrigliceridemia, l'iperglicemia, il diabete, il fumo, il sovrappeso e l'alimentazione scorretta. 

La prevenzione primaria si propone di minimizzare il rischio Cardiovascolare tramite un corretto stile di vita e una dieta equilibrata. Tra le sostanze riconosciute attive per ridurre queste patologie spiccano gli acidi Grassi Polinsaturi e il Riso Rosso Fermentato.
Gli Omega-3 sono acidi grassi essenziali per la salute e due di questi devono necessariamente essere assunti con l'alimentazione: Omega-3 e Omega-6.

Gli Omega-3 supportano la funzione antinfiammatoria e per questo vengono denominati acidi grassi "buoni", gli Omega-6 sostengono la funzione Pro infiammatoria e di conseguenza sono definiti acidi grassi "cattivi".

L'OMS ha definito il corretto rapporto tra Omega-3 e Omega-6 pari a 1:5, anche se a causa di una scorretta alimentazione per eccessi di carne rossa, uova e olii vegetali, il rapporto risulta a favoire degli Omega-6. Per questo motivo è consigliabile reintegrate questo rapporto di Omega-3 attraverso le fonti naturali di pesce azzurro o tramite integratori di EPA e DHA, derivati essenziali dell'Omega-3.

l'Efsa ha confermato l'efficacia dell'assunzione di EPA e DHA per:
  • Normale livelli di pressione sanguigna con 3g di EPA e DHA. Soprattutto in pazienti diabetici, obesi e con dislipidemie.
  • Normali livelli di Trigliceridi con 2g di EPA e DHA. Gli Omega-3 riduono del 14% i livelli plasmatici di trigliceridi.
  • -Buona funzione cardiaca con 250mg di EPA e DHA
  • Buona funzione cerebrale con 250mg di DHA. Fondamentale per la memoria, lo sviluppo neuropsichico e il decadimento cognitivo. I livelli di DHA nel cervello diminuiscono con l'avanzare dell'età.
  • Capacità visiva normale con 250mg di DHA; nei neonati EPA e DHA hanno un ruolo primario, per la funzionalità di tessuti oculari, fluidità delle membrane e protezione dei capillari sanguigni.
  • Buono sviluppo fetale con 250mg di EPA e DHA + 200mg di DHA. Riduzioni di EPA e DHA nel periodo gestazionale sono correlati a parto prematuro, basso peso alla nascita e riduzione della circonferenza cranica del bambino. Se associati con VIT D gli Omega-3 risultano utili per ridurre le possibili complicanze legate al diabete gestazionale. 
  • Nello sportivo porta ad un aumento della resistenza e riduzione dello sforzo migliorando le prestazioni aerobiche.
  • Controllo del peso, riducendo la crescita delle cellule adipose, aumentando la massa magra, riducendo l'appetito e  l'IMC.
 
I nuovi studi sono rivolti a diversi ambiti applicativi quali la menopausa,la depressione,la protezione dall'osteoporosi, le patologie infiammatorie, la salute sessuale, l'obesità, il sostegno di cute e capelli, la prevenzione dell'asma e di malattie allergiche.
​​​​​​​
Altra sostanza che permete di ridurre il rischio cardiovascolare, controllando i livelli di colesterolo nel sangue, è la Monocolina K  o Riso Rosso Fermentato. Permette la riduzione della sintesi del colesterolo e a parità di dosaggio esercita un effetto ipocolesterolemizzante maggiore della statina. L'assunzione della Monocolina K con il Coenzima Q10 permette di ridurre il colesterolo cattivo del 22%.Si sconsiglia tuttavia l’assunzione del coenzima Q10 nelle donne in gravidanza, durante la fase di allattamento al seno e per coloro che soffrono di diabete. L'integrazione è invece consigliata a chi assume le statine.
 
#cardiovascolare #risorossofermentato #monocolinak #epa #dha #omega-3 #omega-6 #malattiecardiache #diabete #fumo #pesce #sovrappeso #alimentazionescorretta #iperglicemia #ipertrigliceridemia #ipercolesterolemia #ipertensione #coenzimaq10